Rosso Tiziano – n° 2 virtual gallery

Rosso Tiziano 2018, cm 70 x100
tecnica: tecnica mista su pagine di libro.

OPERA N° 2 VIRTUAL GALLERY

“Rosso Tiziano” è dedicato al magnifico Castello Visconteo di Fagnano Olona (VA), uno dei tanti gioielli architettonici ancora poco conosciuti collocati nella zona corrispondente nell’antico contado del Seprio.
E’ stato realizzato in occasione della Mostra “Riflessi del passato”, organizzata nell’Aprile 2018 presso la Sala del Camino all’interno del castello stesso, grazie alla pro loco di Fagnano, ed è ora di proprietà della pro loco.

E’ realizzato con pastello secco morbido e matita Contè sulle pagine di un vecchio libro, come si può notare dalle foto in basso, scattate quando il quadro era ancora in fase di realizzazione.

In questo video spiego quali sono state le fonti d’ispirazione dell’opera:

Pubblicità

the Black Beauty – n° 1 virtual gallery

The Black Beauty, 2017, cm 53×73, cornice in legno spessore cm 2 e profondità cm 1,5.
tecnica: carboncino e pastello morbido bianco su carta di giornale , vetro con decoro dripping realizzato con smalti.

OPERA N° 1 VIRTUAL GALLERY

Ho realizzato questo disegno per l’esposizione “Donne di ieri e di oggi“, organizzata nel Novembre 2017 a Legnano, che voleva essere un omaggio alla bellezza femminile intesa come esaltazione del’unicità di ogni donna di oggi e delle epoche passate.

“The Black Beauty” rappresenta la bellezza afro; il soggetto, vagamente ispirato alla splendida Whitney Houston, è anche un omaggio agli scintillanti anni ’80, rappresentati dai colori vivi e dalle superfici brillanti, che creano un contrasto con il volto in bianco e nero.

Apro la gallery con quest’opera alla quale sono particolarmente affezionata perchè segna il punto di passaggio tra due fasi della mia produzione artistica: quello tra la serie di opere dall’aspetto retrò dedicate all’architettura storica del Seprio, disegnate a monocromo su carta di giornale, e i quadri rappresentanti perlopiù affascinanti figure femminili utilizzando colori smaglianti. Comune denominatore tra le due serie di opere è l’utilizzo della carta stampata come supporto.